Glossario

Iniziativa dei cittadini europei

Uno strumento di democrazia diretta nell’unione europea

Ogni cittadino dell'Unione europea può avviare un'iniziativa dei cittadini europei su una questione che rientra nelle competenze della Commissione europea. Un'iniziativa mira di solito a sollecitare la Commissione europea ad agire su un determinato caso. L'iniziativa deve essere presentata da almeno 7 cittadini di diversi Stati membri dell'UE. Dopo aver presentato la proposta, la Commissione dispone di due mesi per dichiarare se l'iniziativa è ammissibile. Quando la Commissione decide che un'iniziativa è ammissibile, i promotori dispongono di un anno per raccogliere un milione di firme. Le firme devono provenire da cittadini di tutti gli Stati membri dell'UE, con soglie specifiche per paese e proporzionali al rispettivo numero di popolazione. Se si raggiunge la soglia di ciascun paese, la Commissione europea deve prendere in considerazione la proposta. La Commissione deciderà se intervenire sulle questioni sollevate dai cittadini, ad esempio proponendo una legge. La proposta sarà poi riesaminata dal Parlamento e dal Consiglio tramite la procedura legislativa ordinaria. La proposta diventa legge solo se tutte le istituzioni la accettano.

OGM tradizionali

Organismi geneticamente modificati 

Gli OGM tradizionali sono organismi viventi il cui materiale genetico è stato modificato artificialmente in un modo che non sarebbe potuto avvenire attraverso la riproduzione naturale di tale organismo con la stessa specie o una specie simile. Questi OGM possono contenere materiale genetico proveniente da organismi con i quali non avrebbero potuto scambiare naturalmente questo materiale e sono quindi denominati transgenici. La coltivazione e la commercializzazione di tali OGM sono rigorosamente regolamentate nell'UE per garantire la nostra sicurezza e quella dell'ambiente.

Tecniche di mutagenesi convenzionali 

Tecniche tradizionali di selezione dei vegetali

Queste tecniche sono tecniche tradizionali di selezione delle piante, in cui i semi sono trattati con sostanze chimiche o radiazioni di maniera da sviluppare nuovi tratti genetici. Questi approcci si basano sulla generazione di mutazioni casuali nell'intero genoma delle piante. Le piante con le caratteristiche desiderate vengono poi selezionate per l'ulteriore coltivazione –in sostanza, un processo complicato. Le varietà vegetali ottenute mediante mutagenesi - metodi convenzionali o nuovi - non contengono materiale genetico di specie estranee. Di conseguenza, le tecniche di mutagenesi convenzionali sono esentate dalle severe disposizioni della direttiva UE sugli OGM e i relativi prodotti sono stati coltivati e consumati in condizioni di sicurezza per decenni.

NPBTs

Nuove tecniche di selezione delle piante

Le NPBTs sono un insieme di tecniche sviluppate nell'ultimo decennio. Vengono utilizzate per coltivare nuove varietà vegetali modificando attentamente il materiale genetico di semi o cellule vegetali (invece di affidarsi a mutazioni casuali). Simulando le mutazioni naturali, le NPBTs possono essere utilizzate per facilitare colture che sono resistenti alla siccità e ai parassiti, che hanno rese più elevate, ed e una migliore qualità.  Quindi possono contribuire al problema della scarsità alimentare e allo sviluppo sostenibile dell'agricoltura. Purtroppo, l'attuale quadro giuridico dell'UE richiede che il trattamento degli OGM (prodotti artificialmente) sia lo stesso per le piante che sono state migliorate tramite NPBT (in modo simile al naturale ma attentamente mirato). Ciò limita altamente l'uso di piante ottenute da NPBTs.

 
 
 
 

© 2019 by Grow Scientific Progress. Created with Wix.com

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
Questo sito è stato creato con la piattaforma
.com
. Crea oggi il tuo sito web.
Inizia ora